L’Indirizzo IP 19216801 – 192.168.0.1

Come Configurare il vostro Router

Per potervi connettere alla rete Internet e’ necessario utilizzare dispositivi chiamati Router.

I Router consentono “il dialogo” tra reti differenti, nel nostro caso tra la rete Internet e la nostra rete LAN. I router possono essere sia Wireless (senza cavo ethernet) che Wired (con cavo Ethernet) ed hanno quasi tutti un indirizzo IP 192.168.0.1 (o anche 192.168.1.1 ) per potersi collegare.

configurazione rete internet locale

Come Fare ?

impostate l’indirizzo IP 192.168.0.2 (potete scegliere l’ultimo valore tra 2 e 254) Netmask 255.255.255.0 sul vostro computer. In questo modo il vostro Pc e’ in grado di comunicare con il Router poiche si trovano tutti e 2 nella stessa classe di indirizzi (o anche nella stessa rete).

PC 192.168.0.2 -> 192.168.0.1 Router.

Per verificare che tutto sia ok, aprite una finestra DOS con il comando CMD e digitate PING 192.168.0.1, se ottenete risposta tutto e’ ok.

Ora basta aprire un browser qualsiasi (chrome , firefox, edge ecc…) e nella barra degli indirizzi digitare 192.168.0.1 vi apparira la schermata di configurazione del router; Ora dovete avere sottomano i parametri di configurazione che avete avuto dal vostro provider Internet ed impostare i campi corrispondenti.

Potete anche seguire questa video guida 19216801 configurazione router

DEFAULT USER E PASSWORD

Username e password dei principali Router

Router IP User Pass
3Com 192.168.1.1 admin admin
Belkin 192.168.2.1
BenQ 192.168.1.1 admin admin
D-Link 192.168.0.1 admin
TP-Link 192.168.1.1 admin admin
Digicom 192.168.1.254 admin michelangelo
Digicom 192.168.1.254 user password
Digicom 192.168.1.254 admin michelangelo
Linksys 192.168.1.1 admin admin
Netgear 192.168.0.1 admin password
Sitecom 192.168.0.1 admin admin
Sitecom 192.168.0.1 sitecom
Thomson 192.168.1.254 user user
US Robotics 192.168.1.1 admin admin

Regole da usare per la scelta della Password

Non dimenticate di modificare la username e la password di accesso al pannello di gestione del router. Una buona regola e’ quella di utilizzare Password che abbiano una complessita’ tale da non poter essere indovinate facilmente.

non usare MAI la Password di Default Non lasciate MAI la Password di Default

non usare Password uguale alla Username Non usate la Password uguale alla Username

non usare Password uguale alla vostra data di nascita Non Usare la Password uguale alla vostra data di nascita

non usare come Password il vostro Nome o il vostro Cognome Non usate come Password il vostro Nome o il vostro Cognome

non usare come Password il nome del vostro PET Non usate come Password Nome del vostro Pet

non usare Password numeriche Non usate Password numeriche

consigli scelta passwordLa Password deve contenere una lettera maiuscola, un numero ed un carattere speciale. esempio : MiaPa$$word2018

consigli scelta passwordLa Password deve essere lunga almeno 8 caratteri

Queste regole valgono SEMPRE quando create una Password. Evitate di usare la stessa password per tutti i servizi, per esempio la password per l’accesso al vostro home banking non deve essere uguale a quella di accesso ad un forum.

192.168.0.1 NETMASK 255.255.255.0

COSA E’ LA NETMASK

Se vi siete sempre chiesti cosa sia la netmask e a che cosa serva, cerchero’ di spiegarvelo nel modo piu’ semplice possibile 🙂 quando avete aperto il pannello di controllo del vostro router avete visto il suo indirizzo IP 192.168.1.1 e la sua Netmask 255.255.255.0 se notate questi due notazioni numeriche sono costituite da 4 cifre separate da punti in notazione decimale.
Ora prima di procedere scriviamo le 4 cifre in formato binario ed otteniamo 11111111.11111111.11111111.00000000 come potete vedere ora abbiamo trasformato il 255 decimale in formato binario ottenendo 11111111 e lo 0 che diventa 00000000.

netmask 255.255.255.0

 

Quindi Cosa e’ la Netmask ?

e’ semplicemente il numero dei dispositivi di rete utilizzabili 🙂 come si calcola ? la formuletta e’ 2^(al numero degli zeri)-2
Quindi 2^8-2=254 ecco il numero di dispositivi di rete utilizzabili. I 2 indirizzi non utilizzabili sono 192.168.1.0 (identificativo di rete) ed il 192.168.1.255 (indirizzo di broadcast) quelli usabili vanno da 192.168.1.1 a 192.168.1.254
Tutti gli 1 invece rappresentano il numero delle reti

192.168.0.1 COME SI USA LA NETMASK

COME SI USA LA NETMASK – Esempio Pratico sull’ utilizzo della netmask

Abbiamo visto nel paragrafo precedente cosa e’ la netmask, adesso vedremo come si usa e in quali occasioni puo’ tornare utile.
Cominciamo col dire che di solito a casa non avremo mai la necessita di utilizzare la netmask in modo diverso da quello solito (ovvero non fare nulla e semplicemente lasciare 255.255.255.0)
ma prendiamo in esame il seguente problema. Vi viene assegnata una classe di indirizzi IP tipo 192.168.1.0 e vi chiedono di creare 6 sottoreti (magari 1 per aula) ognuna delle quali deve contenere 30 pc.
In questo caso la netmask entra in gioco. Questa operazione viene chiamata SUBNETTING.
Abbiamo visto 255.255.255.0 equivale a 11111111.11111111.11111111.00000000 , ora dobbiamo utilizzare l’ultimo ottetto 00000000 per poter gestire le 6 sottoreti richieste.
per rappresentare 6 sottoreti abbiamo bisogno di 3 bit poiche’ 2^3=8 quindi significa che degli 8 bit disponibili ne dobbiamo usare 3 quindi l’ultimi ottetto diventera’ 11100000
se trasformiamo in decimale 11100000 otteniamo 224. Quindi la nuova netmask 255.255.255.224 consente di poter gestire le 6 sottoreti richieste e per ogni sottorete quanti PC possiamo gestire ?
degli 8 bit settati a 0 ora ne sono avanzati 5. quindi possiamo gestire 2^5-2=30 PC per ogni sottorete. Quando si fa subnetting non tutti i 254 indirizzi IP sono utilizzabili.

LE CLASSI DI INDIRIZZI

Quale Classe Appartiene 192.168.0.1 ?

Classi Bit
Iniziali
Bit
Reti
Bit
Restanti
Numero
Reti
Numero
Host
A     0     8     24     128     16,777,216
B     10     16     16     16,384     65,536
C     110     24     8     2,097,152     256
D     1110     n.d.     n.d.     n.d.     n.d.
E     1111     n.d.     n.d.     n.d.     n.d.

Un indirizzo di classe A riserva il primo byte all’indirizzamento della rete, e gli altri tre byte all’indirizzamento degli host. Il primo bit del byte che individua la rete è impostato a 0, di conseguenza è possibile indirizzare teoricamente solo 127 reti, ciascuna con un massimo teorico di 16.777.216 host.

In pratica le reti sono 126 in quanto la rete 127 è riservata per gli indirizzi di loopback, e gli host sono 16.777.214, in quanto gli indirizzi x.0.0.0 e x.255.255.255 non sono ammessi.

Gli indirizzi di classe B riservano 16 bit alla rete e 16 agli host. Dei 16 bit riservati alla rete, i primi due sono obbligatoriamente 1 e 0, e questo di conseguenza implica che il primo byte possa avere valore tra 128 e 191. Il numero di reti ammesso in questa classe è quindi 16.384, e gli host 65.534 (non essendo ammessi anche in questo caso gli host x.y.0.0 e x.y.255.255.

Gli indirizzi di classe C riserva i primi tre byte alla rete ed il quarto agli host.
Poiché i primi tre bit del primo byte sono fissati a 110, il numero di reti univoche in questa classe e superiore a 2 milioni. Il primo byte può assumere valore tra 192 e 223. Il numero di host per ciascuna rete è di 254.

Gli indirizzi di classe D sono riservati ai gruppi multicast e non possono essere utilizzati per sigoli host. I primi quattro bit sono obbligatoriamente 1110.

La Classe di indirizzi E e’ riservata per usi futuri. I primi cinque bit sono obbligatoriamente 11110.